Vuoi sognare con me?

474f4cdd4383ff91fd1d98bcb039d93b_XLSognare è dipingere una lunga S che abbracci la parola Solitudine. Permettere alle mani di trasformarsi in ali e arrivare lì. Proprio lì dove il cielo si confonde con il mare. Dove la sfumatura di un saluto è solo un colore in più. Sognare è spalancare gli occhi alla vita. E’ permettere al bello di entrare. E’ trascinare una slitta piena di: Ce la puoi fare, continua a immaginarlo.

Ho sognato il lieto fine.

Ho sognate te. Le nuvole.

Ho dipinto l’idea di essere un palloncino e volare in là dove le stelle si nascondono di giorno. Ho sognato di saltare sui tetti non guardando giù perché non ho voglia di cadere. Ho sognato di essere libera con i miei sbagli. I miei difetti. Ho sognato e questo basta a volare sempre più in alto.

Vuoi venire con me?

miss-dior-cherie2

 

Per volare

11951990_1618086971793860_2232522736860086041_n-Ci pensavo oggi, mi piacerebbe che tornassimo anche a parlare di cose positive, non solo di problemi. Scrisse lui nel mezzo della mail.

Cose positive, pensò lei, ce ne erano. Eccome. Aveva vissuto un’estate splendida, era tornata dai suoi studenti prima della riapertura delle classi. Il sole scaldava ancora eppure c’era quel “solo che”che  la frenava nel parlare con lui di cose positive. C’era solo un interminabile elenco di cose che non andavano. Quel “solo che” che entrava nella testa come un sassolino nella scarpa.

-Dobbiamo farlo, aveva scritto ancora lui nella seconda mail.

Dobbiamo farlo. Lo aveva masticato a lungo prima di riscriverlo.

Dobbiamo farlo suonava più o meno come una formula magica per uscire dalla crisi, come un ombrello per volare.

Farfalla rosa

11988389_1618509445084946_5329494368589514625_nAveva le spalle forti, così dicevano.

Allo specchio le sembravano solo due spalle bianche e con troppe lentiggini. Avrebbe voluto disegnarci una farfalla, rosa. Come la sua piccola bambina. Le avrebbe dato un nome francese perché in francese suona tutto così dolce. Invece aveva due spalle forti, così dicevano, ma ormai non credeva più alla gente.