Presentazione Fandango Incontro

Fandango Incontro, 23 Maggio 2015

11261929_997242936966967_1714112418954393121_n

La prima volta che l’ho vista mi aveva colpita con la sua cascata di foglie verdi e avevo deciso che sarebbe stata l’ideale per la seconda presentazione romana di Ti aspetto. La Fandango Incontro è una piccola oasi. L’emozione è sempre la padrona che si scioglie subito quando comincio a parlare.

11377136_997242956966965_4825263493222998128_n

In sala scrittori come me e ci si ritrova in un attimo in un ambiente ben più intimo che le parole sanno cogliere e rimanere a volteggiare nell’aria con la voce di Marcello Muccelli. Ho scelto quattro brani e  Ti aspetto si snoda, si denuda della copertina ed entra negli occhi di tutti.

11265252_997242976966963_7141990403444831981_n

Sono molto affezionata a questo libro, perché è il primo, ma soprattutto perché i personaggi vivono ancora con me. E’ difficile separarsi da loro. Quando lo riapro li rivedo, sempre uguali, immutati nei loro atteggiamenti. So come va a finire ma rileggerli mi rimette in quello stato ipnotico di quando li ho scritti. Di notte, battendo forte i tasti di Briciolo il mio primo portatile.

11262082_853242961405063_2458939432223229164_n

 

Il tempo vola. La magia resta e resta una frase con cui mi piace concludere.

Dove finiscono i sogni quando ormai abbiamo imparato a sognare?

Fra i presenti ringrazio particolarmente Orietta Bernardi, Marco Dalissimo, Giuditta Di Cristinzi, Domenico Folino e Mariella Tallari e l’impareggiabile voce di Marcello Muccelli e la Fandango Incontro.

Presentazione di Ti aspetto presso il Figoli Bistrot di Ostia

2015-01-25-19.05.28Domenica 25 Gennaio 2015 nella calda atmosfera un po’ bohèmien del Figoli Bistrot, fra calici di vino, scaffali colmi di libri, locandine di film e thè profumati, si è tenuta la presentazione romana di Ti aspetto.

Il presentatore Tiziano Ciocchetti con un articolato percorso intorno all’amore e al suo significato ha aperto le domande.

Com’è nato Ti aspetto?

Da una storia vera. Una storia ascoltata tra i banchi d’università che poi diventa Romanzo più avanti negli anni dando vita all’eterno conflitto cuore ragione.

2015-01-25-19.05.15

Poi l’attore Simone Festa ha coinvolto il pubblico facendo passare il libro di mano in mano in modo che ognuno potesse scegliere un pezzo e, come un karma, leggerlo.

L’autrice ha poi concluso con le sue parole. Il cuore di Ti aspetto:2015-01-25-19.06.06-1

«Raccontami un po’ di te».

Michele la guarda tutta.

«Beh, non c’è molto da dire… Abito con mia nonna e mio padre che è un Fisico, sono al secondo anno della Facoltà di Fisica e ho tanti progetti da realizzare. Il primo anno ho fatto cinque esami e quest’anno voglio finire tutti gli esami del primo semestre in tempo per Febbraio… Ho realizzato una parte di un seminario importante e mi si è aperta una porta. Sto studiando per laurearmi con 110 e lode e così andrò in America, come vuole mio padre».

Michele la osserva e non capisce da che parte guardarla… Gli sembra fuori dal mondo.

«Nina, sei così sicura che la tua vita andrà così?».

«Sì, perché?».

«Perché la vita è un continuo cambiamento di direzione, non puoi sapere cosa farai dopo la laurea, potresti conoscere un ragazzo e magari fuggire con lui».

«Mio padre mi vuole in America e non voglio deluderlo».

«Nina, ma tu cosa vuoi?».

Nessuno le ha mai chiesto questo.

«In che senso, Michele? In che senso?».

«Nel senso… Non hai un sogno, tipo diventare ballerina, studiare russo, fare l’amore in ascensore?».

Nina arrossisce e lo guarda negli occhi.

«Beh, non penso siano sogni…».

«Nina, ma tu non sogni mai?».

2015-01-25-19.05.38