Due chiacchiere con Maria Fusetti

12380117_1113850405305404_992725580_n

Alle soglie del Natale voglio raccontarvi di poesia. Quando i versi rimandano alla memoria la neve che scende, il mare al tramonto, le voci degli innamorati lontani. La poesia è sempre stata per me un modo di sentire prima che di scrivere. Un turbamento dell’animo che prendeva in prestito le parole per dipingere la gioia o la sofferenza e oggi ho il piacere di ospitare una poetessa giovanissima che è alla sua prima pubblicazione con La Ruota Edizioni. Lei è Maria Fusetti e ci presenta la sua prima silloge Uno scrigno.

Samantha: Maria che piacere averti qui. Abbiamo già ospitato Maristella Occhionero nel nostro angolino che ci aveva in qualche modo anticipato questa silloge e la tua dolcezza.

Maria: Grazie per l’ospitalità.

Samantha: Chi è Maria come donna e come poetessa?

Maria: Sono una ragazza di quasi 19 anni studentessa al liceo classico di Castellaneta (Ta). Sono nata in Ucraina e adottata all’età di 7 anni, ora vivo a Ginosa (Ta) con la mia nuova famiglia che adoro. Ho un fratello (di sangue) anche lui adottato con me Ivan un anno più grande di me.

Samantha: Quando nasce in te la poesia?

Maria: La passione per la poesia è in me sin dalla tenera età. Da bambina scrivevo o recitavo componimenti per gioco, crescendo ho imparato il vero valore della poesia apprezzandolo in ogni sua forma. L’estate appena trascorsa ho partecipato ad un concorso “Poeti e Poesie”, purtroppo non ho raggiunto il risultato sperato, ma mi è servito per confrontarmi con gli altri e questo mi ha reso più sicura nell’intraprendere la decisione di proseguire questo percorso. I complimenti e gli apprezzamenti ricevuti dalle molte persone hanno dato sicuramente una spinta positiva. Sono una ragazza molto giudiziosa, ma l’incoraggiamento degli altri è per me fondamentale.

Samantha: Se dovessi raccontare la tua vita attraverso la poesia quale poeta o poetessa del passato o contemporaneo sceglieresti?

Maria: Difficile rispondere a questa domanda. Sono ancora una ragazza molto giovane e molti aspetti della vita non ho avuto ancora modo di viverli. Per certi versi o meglio per alcuni aspetti sceglierei Alda Merini. Forse risulterà strana questa scelta ma proprio come lei anch’io non mi fermo davanti a niente, perché nessuno ha il diritto di prevalere sulla propria persona.

Samantha: Quale messaggio vorresti condividere con i tuoi coetanei?

Maria: Quello di seguire i propri sogni di ogni forma essi siano, senza timori dei pregiudizi, delle numerose porte chiuse, poiché noi con le nostre idee costruiremo “il futuro” e solo noi potremmo renderlo migliore e nostro.

Samantha: Cosa significa scrivere poesie nel 2015?

Maria: Scrivere poesie non è semplice. Questo perché ormai la gente non è predisposta più a leggerle e secondo me in questo modo si è perso il suo vero valore.

Samantha: Entrando in libreria è difficile vedere subito esposto un libro di poesie. Di solito sono rintanati in qualche angolo.

Maria: Sì. Oggi la società ci ha portato ad apprezzare maggiormente la prosa quali i gialli/thriller o comunque romanzi in genere.

Samantha: Siamo legati a una visione molto romantica del verso poetico. Secondo te può essere invece una nuova forma di comunicazione?

Maria: Sicuramente ritengo che sia una “nuova forma di comunicazione” differente dal romanzo classico e al tempo stesso è però difficile percepirla come tale, cioè esplorazione di una nuova forma di linguaggio.

Samantha: Se dovessi scegliere una poesia da far imparare ai bambini, ai giovani e ai meno giovani quale sceglieresti?

Maria: Se dovessi scegliere una poesia sceglierei questa perché nella sua semplicità trasmette riflessioni profonde.

 

Prendi un sorriso,
Regalalo a chi non l’ha mai avuto.
Prendi un raggio di sole,
Fallo volare là dove regna la notte.
Scopri una sorgente,
fai bagnare chi vive nel fango.
Prendi una lacrima,
Posala sul volto di chi non ha pianto.
Prendi il coraggio,
Mettilo nell’animo di chi non sa lottare.
Scopri la vita,
Raccontala a chi non sa capirla.
Prendi la speranza
E vivi nella sua luce.
Prendi la bontà
E donala a chi non sa donare.
Scopri l’amore
e fallo conoscere al mondo.

(Mahatma Gandhi)

 

Samantha: Quale stagione preferisci?

Maria: Da piccola preferivo l’estate, probabilmente perché non attendevo altro che andare al mare per divertirmi; oggi prediligo la primavera, quando i fiori cominciano a sbocciare, le giornate iniziano ad essere più lunghe e miti, ma il caldo ancora non disturba e la natura dimostra tutto il suo splendore.

Samantha: La tua prima uscita cosa rappresenta per te?

Maria: Mi sembra ancora un sogno, dentro di me crescono sempre più emozioni e sempre più forti. C’è tanta gioia, felicità ma anche un po’ di timore di non essere capita e apprezzata.

Samantha: Perché?

Maria: Ho avuto molti complimenti, ma confrontarsi con un pubblico molto più ampio mi provoca questa sensazione. Nel mio piccolo sono convinta che ogni esperienza va vissuta sia che essa si concluda con un esito positivo sia con un esito negativo.

Samantha: Esatto!

Maria: Ogni esperienza ti aiuterà ad affrontare altre difficoltà e ti accrescerà interiormente.

Samantha: I tuoi prossimi progetti?

Maria: Vorrei scrivere un altro libro, ma questa volta non una silloge di poesie, bensì un romanzo una volta terminati i miei studi liceali.

Samantha: Un sogno per il quale saresti disposta a tutto?

Maria: Come tutti i giovani della mia età ho tanti sogni. Sognare è essenziale, ma restare attaccati alla realtà è più prudente.

12395545_979690768743519_1598671968_n

Salutiamo questa giovanissima poetessa e le auguriamo un grosso in bocca al lupo. Potete trovare Uno scrigno di Maria Fusetti codice ISBN : 9788899660000 su

Libreriauniversitaria.it
Ibs.it
Sanpaolostore
Cinquantuno.it
Amazon

Due chiacchiere con Maristella Occhionero

logo la ruota (640x640) piccolo

Oggi ho il piacere di presentarvi Maristella Occhionero. Un’ altra Donna che ha aperto il cassetto dei sogni e ne è uscita una casa editrice.

Samantha: Buongiorno Maristella. Grazie per essere qui con noi.

Maristella: Buongiorno a voi.

Samantha: Se ti dovessi definire in una frase chi sarebbe Maristella?

Maristella: Una giovane donna appassionata di scrittura e di lettura.

Samantha: Cosa ti ha avvicinato alle parole?

Maristella: Sono sempre state lì, dai vari diari segreti di quando ero bambina fino ad arrivare a quattordici anni e al primo racconto. Da lì ne sono venuti molti altri e diverse poesie.

Samantha: Cos’è per te scrivere?

Maristella: Una sorta di psicoterapia. Mi libera dai brutti pensieri e mi permette di comunicare qualcosa che a voce non riuscirei a direi.

Samantha: Com’è nata l’idea di fondare una casa editrice?

Maristella: E’ nata piano piano. Inizialmente mi sono concentrata sul tentativo di provare a lavorare nel settore. Ho iniziato a collaborare con l’agenzia letteraria Bottega Editoriale. Poi, però, è diventato sempre più forte il desiderio di creare qualcosa di mio.

Samantha: Cosa ti ha spinto a farlo?

Maristella: Al momento attuale penso sia meglio crearlo il lavoro e concentrarsi su cosa ci appassiona per dare il massimo

Samantha: E’ bello creare qualcosa che realizzi le nostre passioni.

Maristella: Sì.

Samantha: Come si chiama la tua casa editrice?

Maristella: La Ruota edizioni.

Samantha: Da dove nasce il nome?

Maristella: L’idea di chiamare la casa editrice La Ruota è stata del mio compagno. In realtà il significato è ironico e si riferisce in modo scherzoso al fatto che, quando nasce un’idea, si dice che nel cervello si è svegliato il criceto sulla ruota.

Samantha: Divertente quest’immagine!

Maristella: Sì.

Samantha: Il primo libro in uscita con la Ruota edizioni è una raccolta di poesie di Maria Fusetti. Perché un libro di poesia?

Maristella: Sono appassionata di poesia e di haiku. Il mio compagno nonché collaboratore Antonio Contoli scrive poesie e ha ricevuto numerosissimi riconoscimenti. Questo mi ha fatto capire che esistono ancora gli appassionati del genere. La poesia è un’espressione dell’anima.

Samantha: La poesia è un modo di sentire, di percepire il nostro dentro e quello che ci circonda.

Maristella: Forse non andrà più di moda, ma non potevo esimermi dal creare una collana dedicata esclusivamente alla poesia per la bellezza che essa riesce a creare.

Samantha: Che rapporto hai avuto con l’autrice?

Maristella: Con Maria il rapporto è molto bello. Lei è una scrittrice giovanissima e le sue poesie sono allo stesso tempo intense e delicate. Mi è piaciuto confrontarmi con lei perché ha sempre accettato i miei consigli senza nessun tipo di arroganza che, invece, alcuni scrittori hanno. Ho pensato che fosse giusto darle quest’opportunità.

Banner prossimamente (400x300)

Samantha: Emozionata per questa prima uscita?

Maristella: Molto! Non vedo l’ora di avere il testo tra le mani!

Samantha: Hai dei collaboratori?

Maristella: C’è il mio compagno Antonio Contoli che mi ha supportata in tutto. Dall’inizio di questa avventura ad ora. Sono affiancata anche dai membri del Comitato di valutazione prime opere che sono i lettori volontari che mi aiutano con i loro giudizi nella scelta dei testi da pubblicare. Sono davvero molto precisi e professionali e io non smetterò mai di ringraziarli abbastanza per il loro aiuto!

Samantha: Hai altri testi in valutazione?

Maristella: Sì.

Samantha: Quali sono i vostri criteri di valutazione?

Maristella: I criteri sono diversi. Un testo per essere scelto deve tenere alta la tensione narrativa (per quanto riguarda i romanzi), deve esser scritto con un linguaggio fluido, scorrevole e il più possibile corretto. Un testo che fa piacere leggere. Non pubblichiamo tutto indiscriminatamente.

Samantha: Avete altri testi pronti per la pubblicazione?

Maristella: Sì, altri tre testi sono stati scelti.

Samantha: Quali sono?

Maristella: Il secondo in ordine di uscita sarà un testo per ragazzi della scrittrice Monica Giuffrida dal titolo Manuel a testa in giù. Questo libro affronta in modo ironico e pungente un tema spinoso come quello del bullismo. Si tratta di una lettura originale adatta sia ai giovani che a i meno giovani.

Banner promo prossimamente

Samantha: E con l’anno nuovo?

Maristella: Intorno a Gennaio, invece, uscirà il nostro primo testo fantasy di Yasodhara Leandri dal titolo La custode.

Samantha: Di cosa parla?

Maristella: Il libro tratta del bene e del male in un modo del tutto originale, ricco di colpi di scena e di scoperte. La protagonista (una giovane adolescente) farà luce sulle sue origini e su ciò che si cela dietro la realtà di tutti i giorni. Intorno a Febbraio, invece, abbiamo in programmazione un altro fantasy di Sabrina Cospetti dal titolo Black Wings. Il richiamo delle tenebre. In questo caso si tratta di un testo dai toni più dark e oscuri che ci porterà nella lotta tra angeli e demoni.

Samantha: Un libro a cui sei legata.

Maristella: In realtà sono due: La casa degli spiriti di Isabel Allende (in realtà adoro tutti i suoi libri) e Il cavaliere d’inverno di Paullina Simons.

Samantha: L’ultimo libro che hai letto.

Maristella: Al momento sto leggendo l’ultimo dell’Allende, L’amante giapponese.

Samantha: E quello che hai sul comodino da così tanto tempo che tutte le volte dici: Ora lo leggo, ma è sempre in coda.

Maristella: C’è La vergine azzurra di Tracy Chevalier che mi hanno regalato tempo fa, ma che non riesco ancora ad iniziare.

Samantha: Hai un sogno? Quello per cui saresti disposta a tutto?

Maristella: Il mio sogno al momento è quello di vedere questi libri diventare realtà, non riesco a pensare ad altro!

Grazie Maristella per averci aperto le porte del tuo sogno. La Ruota Edizioni la trovate  anche qui. In bocca al lupo a te e al tuo staff.

Love

scultura-burning-man-festival-adulti-bambini-amore-love-alexander-milov-5

Quando non mi ascolterai

parlerò al tuo cuore,

nella lingua delle favole.

Quando la notte

sarà così nera,

brillerò

e troverò la tua luce

ad un palmo da me.

Quando non ci saranno

che spine, conflitti

e incomprensioni,

aspetterò che i sogni

tornino a colorare il cielo

come gli aquiloni d’estate.

Tra le migliaia di splendide opere d’arte esposte quest’anno al festival che si è concluso il 7 settembre e aveva come tema “il Carnevale degli Specchi”, solo una ha realmente  catturato l’attenzione della gente: “Love” dello scultore ucraino Alexander Milov. L’opera raffigura due adulti seduti in filo metallico, schiena a schiena, con i loro bambini interiori che cercano di raggiungere l’un l’altro dall’interno, “mostrando un conflitto tra un uomo e una donna, e l’espressione interiore ed esteriore della natura umana. La loro interiorità è rappresentata da bambini trasparenti che cercano di toccarsi attraverso la grata. Al calare della notte i bambini cominciano a brillare. Questo splendore è un simbolo di purezza e sincerità – ha spiegato Milov – che unisce le persone e dà la possibilità di riavvicinarsi quando arriva un periodo buio”.

12036576_753193518122890_5859652339571774873_n

I poeti contemporanei: Libri con Samantha Terrasi

 voglia-di-evasione-copia

(Paesaggi Onirici)

Desiderio Sfuggente

Sei la goccia che scivola

la virgola tra la pelle

l’emozione della distanza

la mancanza di un brivido

rubato la notte.

Sei lo zucchero troppo dolce,

il dolore del sale sulle ferite,

una calza smagliata che zoppica

un quadro che aspetto di dipingere.

Assaporo il colore

ma mi hai chiuso gli occhi,

bendato l’anima

elemosinando il tuo respiro.

Desiderio sfuggente.

Questa poesia è contenuta nella raccolta  I poeti contemporanei 96 

La modernità comporta velocità ed estensione: si arriva in un baleno a tante persone, nei luoghi più diversi e lontani. Può rifiutarsi a questo la poesia, tenuta così a lungo appartata? Ma la poesia ha per sua natura la grazia di darsi ad ognuno, di condurlo nell’altrove della parola destinata a durare e del pensiero che rende chiari e colmi i giorni della vita. Così, in questi libri in cammino, nei loro versi, nelle loro frasi, troveremo il molto che ci portavamo dentro inespresso, la vicinanza di chi rivelandosi ci rivela a noi stessi. E daremo
voce a sentimenti che fremevano dietro mura di silenzio, traverseremo mondi che ci appartengono e che mai prima
avevamo nemmeno intravisto. Ognuno di questi libri nasce come un bene comune e un avvio.

Elio Pecora

immaginepoeti

Acquistabile su amazon con Sofia Antonietta Leone , Ivano Capo , Maurizio Masi , Maria Rosa Catalano Neri , Agata Corsino, Gherardo Ghirardini , Ramona Borgazzi , Nunzia Presta , Julietta Moranduzzo ,Serenella Pierfederici