Ritorno dalle nuvole

tempo5L’ho pensato più di una volta quando tutto si stringeva come un cappio e una decisione non era meglio dell’altra, solo meno peggio. L’ho pensato e ripensato a come potesse essere. Non c’era un gusto a cui associarlo, tutto nella mia vita ha un sapore più che un odore. Non c’era un’immagine anche se le nuvole potevano ricordarne qualcosa. Leggere, bianche, compatte ma inconsistenti. Puoi oltrepassarle, guardarle, vederle muovere ma non possono trattenerti. Tutto precipita. Periodi come massi, sentieri come salite. Eppure l’ho pensato anche l’altro ieri, no forse la scorsa settimana. Sparire.

Andare semplicemente da un’altra parte, non prendere nessuna decisione. Semplicemente sparire. Prendermi il mio tempo e fluttuare inconsistente. Vorrei perdermi per poi scegliere di tornare. Perché il tempo scorre, ma “Fugge solo il tempo che non viviamo davvero”.