Quattro chiacchiere con Franco Vanni

12674560_1045498228855794_1998775630_n

Il clima ideale, Laurana editore, è stata una piacevole scoperta. Segnalato su milanoNERA mi ha subito incuriosita.  Letto tutto d’un fiato e recensito qui, mi son detta perché non catturare l’autore per una piccola intervista? Detto fatto. Oggi ho il piacere di ospitare Franco Vanni.
Samantha: Buongiorno Franco. Benvenuto nel piccolo salottino all’interno di Ti aspetto-blog. Mi piace molto cominciando un nuovo romanzo, soffermarmi sulle prime pagine. Sono attratta dalle dediche e dalle citazioni che aprono il sipario sulla storia. Dedichi il tuo romanzo ai tuoi nonni. Franco entrambi. Cosa ti lega a loro? Qual è il ricordo che scrivendo I miei nonni hai incollato alla pagina e che vorresti ora riportare alla mente?

Franco: Come tutti o quasi, sono molto legato al ricordo dei miei nonni, che col tempo ho forse un po’ idealizzato. Del nonno materno ho un solo ricordo genuino: mi teneva in braccio mentre scriveva a macchina. Quasi tutto quello che so di lui me lo hanno raccontato mia made e i suoi fratelli. È stato uno dei primi psichiatri italiani e ha scritto tantissimi libri. È mancato quando avevo tre anni. Mio nonno paterno me lo sono goduto molto di più. Era un commerciante. Un uomo pratico e intelligentissimo. Chiamandosi entrambi Franco, i miei genitori non hanno avuto bisogno di inventarsi molto per scegliere il mio nome.
S: Io sono sempre stata affascinata dal suono delle parole. Scrivere per me è seduzione. Tu sei un giornalista di cronaca, immagino che per te le parole abbiamo un ruolo ben preciso. Qual è l’effetto che hanno su Vanni scrittore e su Vanni giornalista? Cosa provi quando scrivi? C’è una parola ricorrente nel tuo personale vocabolario?
F: Scrivere di cronaca giudiziaria significa per lo più riportare o al massimo “tradurre” quello che è scritto negli atti dei procedimenti penali. Diciamo che – al di fuori dei bugiardini dei medicinali e dei testi scientifici – quello della cronaca giudiziaria è uno dei linguaggi che permette meno divagazioni in assoluto. Scrivere di narrativa, per il poco che ho potuto sperimentare, all’opposto offre la possibilità di muoversi, inventare, sbagliare. Fra giudiziaria e narrativa passa la differenza che c’è fra fare una consegna con un camion, lungo un percorso stabilito e in tempi certi, e guidare invece un camper per andare in vacanza, senza meta e senza costrizioni. In tutti e due i casi si tratta di guidare, ma nei fatti sono due azioni che si somigliano solo apparentemente. Quanto alla mia parola ricorrente, temo tristemente sia “cioè” o qualche altro intercalare.
S: Molti scrittori hanno delle piccole manie. A chi piace avere intorno gli stessi oggetti, isolarsi dal mondo, scrivere con la penna stilografica, appuntarsi le idee su foglietti volanti e tenerli tutti in tasca. E le tue, se ne hai naturalmente. 
F: Da ragazzino compravo costosi taccuini su cui disegnavo, che è una mia grande passione. Oggi per disegnare uso il retro dei fogli che mi ballano sulla scrivania in redazione. E gli appunti, per lavoro, li segno sull’iPad, di modo da potere inviare direttamente i pezzi nel caso si debba pubblicarli subito online. Anche a casa e al giornale scrivo sempre e solo al computer, che si tratti di articoli o di altro. La figura del cronista che prende appunti sulla Moleskine con il sigaro in bocca e i calzoni tenuti su dalle bretelle forse funziona nei film, come presa in giro. Nella realtà la tecnologia rende tutto molto più semplice …

12067137_1045498192189131_1014097390_n

S: Effettivamente hai ragione. Se ti dicessi caffè, notte, silenzio, cosa ti viene in mente?
F: Qualche torneo sportivo che si gioca dall’altra parte del mondo e che mi costringe a stare sveglio di fronte alla tv in orari in cui dormirei volentieri. Penso al tennis o alla MotoGp.
S: Il titolo del tuo romanzo, per altro molto azzeccato, è Il clima ideale. Tu hai una ricetta segreta o speciale per creare il tuo? 
F: Mi piacciono tantissimo le attività all’aria aperta, lontano da schermi, fretta e costrizione. Amo andare a pesca risalendo il fiume, e curo con tre amici il blog anonimacucchiaino.it Mi piace fare viaggi in moto o giri in bicicletta. E nuotate in mare per lunghi tratti di costa. O anche solo leggere un libro in un parco, in pace. Basta non avere un tetto sopra alla testa.
S: Qual è il tuo piatto preferito? Il momento della giornata a cui non sai rinunciare? 
F: Il mio piatto preferito penso sia la pizza, vista la frequenza con cui la mangio, anche se me ne vengono in mente tantissimi altri! Ieri sera ad esempio ho mangiato una cotoletta leggendaria da Martino in via Farini a Milano. Il mio momento preferito è la mattina, quando mi siedo al tavolo della colazione e bevo il primo sorso di caffè, un attimo prima di leggere i giornali.
S: Mi piace molto la dinamica del sogno. Questo impegnare i pensieri, gli sforzi, le energie per realizzare qualcosa. Cosa significa per Franco sognare? Hai mai avuto un sogno per il quale hai o avresti rinunciato a tutto?
F: Mi piacerebbe tantissimo sapere fare qualcosa di fisicamente straordinario, come ballare bene o eccellere in qualche sport, al punto da poterne fare una professione. La verità è molto diversa: sono scoordinato e non ho mai fatto uno sport tanto seriamente da diventare bravo.
S: Cosa consiglieresti a un giovane e inesperto scrittore se venisse da te con una pila di fogli e un sorriso a trentadue denti?
F: Mi manca esperienza per dare consigli come scrittore! Più che altro li chiedo. Come giornalista invece, avendo io cominciato a 19 anni e avendone ora quasi 34, mi capita di dare consigli a ragazzi che stanno cominciando a fare questo mestiere. Sono cose molto banali e operative: concentrati sulla ricerca della notizia più che sulla scrittura, chiedi sempre il numero di telefono alle persone con cui parli (potrebbe servirti sentirle di nuovo), stai il meno possibile in redazione e il più possibile in giro … le solite cose che a ogni stagista hanno detto i colleghi più anziani, in ogni redazione del mondo.
S: Progetti futuri? Hai qualche altro romanzo nel cassetto?
F: Per fortuna romanzi nel cassetto non ne ho mai avuti. “Il clima ideale” è il mio primo, ed è stato pubblicato. Ho un’agente molto brava e mi fido di lei. Ora vorrei scrivere un giallo classico, con il cadavere all’inizio e l’assassino che si scopre alla fine. Purtroppo ultimamente di tempo per scrivere ne ho davvero poco, ma la storia la ho già in mente e non vedo l’ora di cominciare. Domani, intanto, vado a farmi un bel giro in bicicletta in montagna, che ne ho bisogno dopo una settimana in tribunale.

12596384_1045498208855796_2135749100_n

(Lillo Garlisi, l’editore e Franco Vanni)

36 Thoughts.

  1. rxqepteqcjw,Thanks for ones marvelous posting! I actually enjoyed reading it, you will be a great author.I will always bookmark your blog and will cgcjsefbeb,come back from now on. I want to encourage that you continue your great writing, have a nice afternoon!

  2. This design is steller! You most certainly know how to
    keep a reader entertained. Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well,
    almost…HaHa!) Excellent job. I really enjoyed what you had to say,
    and more than that, how you presented it. Too cool!

  3. What’s Taking place i am new to this, I stumbled upon this I’ve found It absolutely useful and it has
    helped me out loads. I am hoping to contribute & help other users like its aided
    me. Great job.

  4. you are really a good webmaster. The web site loading speed
    is incredible. It sort of feels that you’re doing any unique trick.
    Also, The contents are masterpiece. you have done a excellent task in this topic!

  5. What i don’t understood is in truth how you’re not actually much more well-preferred than you may be now.
    You’re very intelligent. You recognize therefore considerably
    in the case of this topic, made me in my view imagine it from so many various angles.
    Its like women and men are not interested
    until it’s one thing to accomplish with Woman gaga! Your personal stuffs
    great. At all times care for it up!

  6. Very nice post. I just stumbled upon your blog and wanted to say that I’ve truly
    enjoyed surfing around your blog posts. In any case I will be subscribing to
    your rss feed and I hope you write again soon!

  7. Hi! I could have sworn I’ve visited this blog before but after looking at a few of the articles I realized
    it’s new to me. Regardless, I’m definitely delighted I stumbled upon it
    and I’ll be book-marking it and checking back often!

  8. Simply want to say your article is as amazing. The clearness in your post
    is simply spectacular and that i could think you’re an expert in this
    subject. Fine along with your permission let me to
    take hold of your RSS feed to keep updated with drawing close post.
    Thank you 1,000,000 and please keep up the enjoyable work.

  9. I simply want to say I am just newbie to weblog and actually savored you’re website. Almost certainly I’m going to bookmark your website . You absolutely have really good articles and reviews. Bless you for sharing your website page.

  10. Someone essentially help to make significantly posts I would state.
    This is the very first time I frequented your website page and thus far?
    I surprised with the analysis you made to create this particular put up
    extraordinary. Magnificent process!

  11. Can I merely say exactly what a relief to locate somebody who truly knows what theyre talking about on the internet. You definitely learn how to bring an issue to light and produce it important. The best way to need to see this and appreciate this side from the story. I cant think youre no more well-known when you certainly possess the gift.

  12. tnefpya,Thanks for ones marvelous posting! I actually enjoyed reading it, you will be a great author.I will always bookmark your blog and will axdlzzc,come back from now on. I want to encourage that you continue your great writing, have a nice afternoon!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *