Love

scultura-burning-man-festival-adulti-bambini-amore-love-alexander-milov-5

Quando non mi ascolterai

parlerò al tuo cuore,

nella lingua delle favole.

Quando la notte

sarà così nera,

brillerò

e troverò la tua luce

ad un palmo da me.

Quando non ci saranno

che spine, conflitti

e incomprensioni,

aspetterò che i sogni

tornino a colorare il cielo

come gli aquiloni d’estate.

Tra le migliaia di splendide opere d’arte esposte quest’anno al festival che si è concluso il 7 settembre e aveva come tema “il Carnevale degli Specchi”, solo una ha realmente  catturato l’attenzione della gente: “Love” dello scultore ucraino Alexander Milov. L’opera raffigura due adulti seduti in filo metallico, schiena a schiena, con i loro bambini interiori che cercano di raggiungere l’un l’altro dall’interno, “mostrando un conflitto tra un uomo e una donna, e l’espressione interiore ed esteriore della natura umana. La loro interiorità è rappresentata da bambini trasparenti che cercano di toccarsi attraverso la grata. Al calare della notte i bambini cominciano a brillare. Questo splendore è un simbolo di purezza e sincerità – ha spiegato Milov – che unisce le persone e dà la possibilità di riavvicinarsi quando arriva un periodo buio”.

12036576_753193518122890_5859652339571774873_n

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.