Liquide Suggestioni

med

 

Quando la notte è più fredda del giorno

“Un lampo illumina il cielo. Di colpo, il tuono. Prepotente, rumoroso, fragoroso. Lungo. Anna cammina guardando i suoi piedi, stringendosi nel bavero, macchiandolo di rossetto. È nero, non si noterà nulla. Appoggiandoci le labbra sentirà solo un sapore acre, amaro, quasi appiccicoso. Un sospetto improvviso, ha la tasca della giacca bucata. Una certezza invece si cela nel cielo grigio piombo. Anna ha paura. Paura di quello che succederà fra un minuto, un’ora, una settimana. Anna cammina mettendo i piedi uno davanti all’altro. È un gesto istintivo, naturale che produce un rumore che si perde nell’asfalto. Rincorre qualcosa che non riesce a vedere. Si sente più un’ombra che una persona.”

 

(continua nell’antologia acquistabile qui)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.