La valle delle donne lupo-Laura Pariani

Di questo romanzo si viene colpiti. Per ognuno il colpo è certo diverso ma non meno efficace. Perché quel colpo, a cui forse diamo una connotazione negativa, altro non è che l’ululato di una lupa che con le parole ci porta in un luogo quasi fuori dal tempo. La Fenisia. Protagonista e narratrice. Un connubio subito interessante per una narrazione che si svolge dal 1928 al 2007 nelle valli dell’alto Piemonte.

Il senso della morte, i segreti e la memoria contraddistinguono questo romanzo. Ogni pagina è un lasciar traccia di qualcosa che si è dissolto come la neve agli angoli delle strade in primavera

“La montagna, più che un luogo geografico, è un’esperienza: quella di un mondo potente nella sua resistenza a certe pazze vertigini della modernità, ma assolutamente marginale.”

Fenisia scoperchia tutto nelle mani di una ricercatrice che attraverso di lei ricostruisce la vita della montagna del paese piccolo. La montagna non è solo un luogo ma non è neanche una prigione, è “culla e tomba, ti dilapida tutte le forze. Ed è per questo che molti scappano.”

La verità era che vivere nella valle era durissimo. Tanto più se hai la sfortuna di nascere femmina. La condizione della donna viene punita dai genitori, ammonita dal parroco che vede nelle donne una perdita di virtù, di devozione.

Ma non c’è nessuna perdita nel libro, solo donne il cui destino sembra segnato. Therèsia che partorisce solo angeli. Femmine che durano poche ore accomunate solo da un nome, Tilde per tutte. La morte che definisce un perimetro. Ma le forze tendono a implodere, piano.  E chi sono queste forze?

La Fenisia e la Grisa.  La vita della Fenisia cambia quando viene spedita dai nonni lontana dalla valle e allontanata dalla Grisa, una frattura che determinerà una faglia nella sua ricerca di donna della valle.

“Come se la parola Io non le appartenesse più.”

 Ma il loro mondo tenderà a chiuderle insieme. La prima nella solitudine anche dopo sposata, la seconda in una pazzia di cui poi non potrà fare a meno.

“Cifì-nofò.”

“Frafàn-cofò.” 

Sembra una filastrocca ma è solo il loro modo da bambine e da adulte di riconoscersi come fanno i lupi quando si incontrano nella foresta. Si annusano, si riconoscono.

“ Una donna era stata accusata di essere stria. A coloro che la giudicavano lei cercò di spiegare che la sua attività di cercatrice d’erbe non andava per tresche diaboliche., ma percorreva straduzze solitarie in compagnia dei semplici elementi della notte nel bosco: la luna, l’anima del vento, la rugiada, la nebbia che sfiocca tra i sambuchi, i sogni. “

Ed ecco la meraviglia del libro. La trasformazione. Le donne, non tutte,  diventavano lupe e si aggiravano per la valle. Il balengo, il diverso ossia colui che per difendere se stesso si trasformava in qualcosa di quasi mostruoso.

Ma l’essere lupe non passa per i denti o le visioni o le storie. Le donne lupo esistono e si possono sentire per tutta la fine del romanzo. Le donne, la grande forza delle donne che hanno assaggiato il dolore, la privazione, l’essere costrette a rinunciare a essere donne. Ecco le lupe sono ancora in quella valle, non si nascondono. E la storia è forse l’unica impronta che ancora lasciamo non solo tra le valli.

25 Thoughts.

  1. Today, I went to the beachfront with my kids.

    I found a sea shell and gave it to my 4 year old daughter and
    said “You can hear the ocean if you put this to your ear.” She put the
    shell to her ear and screamed. There was a hermit crab
    inside and it pinched her ear. She never wants to
    go back! LoL I know this is completely off topic but I had to tell someone!

  2. Very nice post. I just stumbled upon your weblog and wished to say
    that I have truly enjoyed surfing around your blog posts. In any case I will
    be subscribing to your rss feed and I hope you write again soon!

  3. The longtime Crimson Tide coach said the procedure was much less invasive than it used to be,Jordan but said that doctors told him there was nearly no cartilage left on his right hip — it was basically bone-on-bone.

  4. You actually make it seem so easy with your presentation but I find this topic to
    be really something that I think I would never understand. It seems too complicated and
    extremely broad for me. I’m looking forward for your next post, I’ll try to get the
    hang of it!

  5. Woah! I’m really enjoying the template/theme of this site.

    It’s simple, yet effective. A lot of times it’s hard to get that “perfect balance” between superb usability and
    appearance. I must say that you’ve done a amazing job with this.
    Also, the blog loads very fast for me on Firefox. Excellent Blog!

  6. Hi! This is my first visit to your blog! We are a
    group of volunteers and starting a new project in a community in the same niche.
    Your blog provided us useful information to work on. You have done a marvellous
    job!

  7. Pretty section of content. I just stumbled upon your
    web site and in accession capital to say that I get actually enjoyed account
    your weblog posts. Anyway I will be subscribing in your augment
    or even I success you get entry to consistently quickly.

  8. I have been exploring for a bit for any high-quality articles or weblog posts in this
    kind of area . Exploring in Yahoo I finally stumbled upon this website.
    Reading this info So i am glad to show that I’ve an incredibly just right uncanny feeling
    I found out exactly what I needed. I such a lot without a
    doubt will make certain to do not overlook this site and give it a
    glance on a relentless basis.

  9. I simply want to tell you that I’m new to blogging and honestly liked your blog site. More than likely I’m want to bookmark your blog . You certainly have perfect well written articles. Appreciate it for revealing your blog.

  10. Hey there this is kinda of off topic but I was wanting to know if blogs use WYSIWYG editors or if you have to manually code with HTML.

    I’m starting a blog soon but have no coding experience so I wanted to get advice from someone with experience.
    Any help would be greatly appreciated!

  11. This could be the proper weblog for would like to check out this topic. You realize a lot its practically challenging to argue with you (not too When i would want…HaHa). You actually put the latest spin with a topic thats been written about for many years. Fantastic stuff, just wonderful!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *