Il tempo gran bella fregatura

Gianfranchino la domenica metteva una vecchia camicia degli anni ‘60. Una di quelle a colori vistosi e con il colletto a punta. Si rimirava allo specchio come se avesse messo un completo di un grande stilista. Stringeva la cinta dei pantaloni mezza sbilenca e se ne andava a passeggio. D’estate e d’inverno con la stessa camicia. Non importava se gli altri non la vedessero nascosta sotto il cappotto o sotto la giacca. A lui interessava solo indossarla.

Prendeva un caffè al parco seduto ai tavolini sotto il porticato. Lo girava e rigirava anche se non metteva mai lo zucchero. Il rumore del cucchiaino contro la tazzina lo riportava al film della sua vita. All’incontro con Rosalba, al mare a Capri, alle grotte blu. Al profumo dei limoni e alla neve sul Tonale. Tutti veniva mischiato in quel caffè lungo un paio d’ore. Il barista lo sapevo e gli lasciava il suo tavolino sempre libero.

Gianfranchino si sedeva sempre nella stessa posizione, sulla stessa sedia. Faceva la riverenza alla cameriera ma invece era solo un movimento tutto suo per mettere a posto la gamba ormai piena di artrite sotto il tavolo. Malattia che lo aveva sottoposto a lunghe e costose cure. Niente aveva funzionato. I bagni termali, i fanghi, le pasticche, la ginnastica. La gamba era il suo tallone d’Achille e anche quello era messo male per via della gotta.

Doveva portare delle ciabattine con un plantare che non gli facesse vedere tutte le stelle del firmamento e pure di quello accanto. Credeva nell’esistenza di più mondi paralleli e lui era finito in quello solo perché aveva scelto la porta sbagliata. I suoi amici non aveva tutti quegli acciacchi e avevano pure una moglie. Ci rideva su, ma il più delle volte faceva a pezzi il giornale per sfogare la rabbia della sua personale ingiustizia.

Al ritorno dalla sua solita passeggiata gli sembrò di scivolare, maledisse tutti i santi in svariate lingue. Nessuna era appropriata, poteva cadere, rompersi il femore e poi chi gli avrebbe portato la camicia a colori sgargianti la domenica in ospedale?

La panchina in fondo al viale era un posto sicuro dove ispezionare la ciabattina. Ormai quanti anni erano che le portava?

Avevano la suola liscia e un buco proprio al centro. Avrebbero potuto rompersi ma Gianfranchino di comprare un paio di ciabatte nuove proprio non ne aveva voglia, poi era arrivata la bella stagione. Le ciabatte avrebbero retta ancora e ancora. Per un buchino e una suola liscia?

Rischiò di cadere ben tre volte per tutta l’estate. Faceva il parco guardando dove camminava, i sassolini piccoli si infilavano nel buco e gli procuravano delle piccole escoriazioni.

Rimandava l’acquisto perché non aveva proprio voglia di separarsi dalle ciabatte nere morbide come un guanto. Ormai slittava anche sulla rampa di casa che collegava le scale al portone. Aveva fatto ruzzolare due pomodori, un cespo di insalata e i cetrioli una mattina. La pia donna di Marisa tutta forcine e bigodini era giunta in suo soccorso.

– Generale forse è il caso che prende un bastone, sa non siamo più di primo pelo?

– A lei, buongiorno.

Prese le verdure per il pranzo e tornato a casa cercò una soluzione. Quella di ricomprare le ciabatte non fu proprio considerata. Il primo temporale estivo e la ciabattina scivolò come una canoa sul pelo d’acqua. Diede una di quelle sederate e imprecò tutti i santi del calendario dal primo Gennaio al trentuno Dicembre e tornò indietro. Per fortuna niente di rotto. Il buco nella suola era diventato uno strappo e ogni volta che piegava il piede si allungava di un po’.

– Generale visto che tempo?

– Buongiorno a lei. Va da qualche parte Marisa?

– Viene mio figlio domenica. Vorrei essere in ordine.

– Ma oggi è Lunedì.

– Bisogna stare preparati e a proposito avevo queste in casa magari possono esserle utili.

Gli mise in mano un paio di ciabatte che portavano quei delinquenti alla stazione con i pantaloni a vita bassa dove praticamente c’era solo l’orlo delle mutande a essere riconoscibile. Quelle cose non se la sarebbe mai messe. Le provò per scartare definitivamente l’idea di uscire con quelle cose, infatti non riusciva neanche a camminare, sembrava una papera sulla ghiaia.

Doveva comprare un paio di ciabatte nuove, uguali a quelle che portava. Il negozio dove le aveva acquistate tempo prima non c’era più, si rivolse a un altro commerciante ma niente, quelle ciabatte, quel modello erano introvabili. Doveva assolutamente trovare una soluzione e più il tempo passava più non riusciva a uscire e quando lo faceva era una tortura. Le ciabatte vecchie erano troppo rotte, camminava con un piede sull’asfalto bollente o sul terriccio del parco. Ogni giorno si diceva che avrebbe trovato un modo e ogni giorno passava. L’autunno era ormai un dato di fatto, le foglie a terra potevano farlo scivolare in ogni momento. Provò di nuovo quelle orrende cose gialle psichedeliche della signora Marisa ma sembrava un pinguino spiaggiato. Passarono ancora giorni, la soluzione era provare altre scarpe. Quelle chiuse erano una tortura, faceva ancora caldo, doveva trovare quel modello di ciabatta.

Chiese in giro e trovò qualcosa che assomigliava al guanto che lo aveva servito per quasi dieci anni. Erano costose, così si recò ogni mattina davanti alla vetrina non decidendosi mai. Doveva solo entrare e comprarle ma tutte le volte trovava qualche difetto. Perché quelle vecchie si erano rotte? Perché le cose non duravano in eterno?

Quella domenica mentre riponeva la camicia nell’armadio, la ciabatta perse aderenza, lui si aggrappò alla stampella ma l’ultimo strappo ne decretò la fine inesorabile. Mise del silicone, nastro adesivo e colla. Le guardò a lungo sul tappetino della camera da letto. Sembravano un soldato dopo la guerra in trincea. Ormai erano da buttare. Il giorno dopo sarebbe andato in quel negozio e avrebbe acquistato delle nuove ciabatte. Non poteva fare altrimenti. Mise la sveglia alle sei e ripeté che sarebbe stata l’ultima volta che le avrebbe indossate. Avrebbero retto fino al negozio, avrebbe provato le altre e sarebbe uscito facendo la conoscenza di un nuovo paio di ciabatte. Quelle vecchie le avrebbe riposte nella stanza dei ricordi insieme a quelle che aveva usato nel Salento per quanti anni? Non lo ricordava, meglio così. Quando la mattina si svegliò aprì la finestra, la strada era ricoperta di un sottile strato bianco. L’inverno era ormai arrivato. Aveva come sempre aspettato troppo.

33 Thoughts.

  1. gthbbnhhdfu,Thanks for ones marvelous posting! I actually enjoyed reading it, you will be a great author.I will always bookmark your blog and will recdpo,come back from now on. I want to encourage that you continue your great writing, have a nice afternoon!

  2. Hi there, I discovered your blog by the use of Google
    at the same time as looking for a similar matter, your website came up,
    it seems good. I’ve bookmarked it in my google bookmarks.

    Hello there, just was alert to your blog through Google, and located that
    it is truly informative. I am going to be careful for
    brussels. I’ll be grateful when you proceed this in future.
    Many people shall be benefited from your writing. Cheers!

  3. Great beat ! I would like to apprentice whilst you amend
    your website, how can i subscribe for a weblog web site?

    The account helped me a appropriate deal. I have been tiny bit acquainted of
    this your broadcast provided brilliant clear concept

  4. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on the video to make
    your point. You definitely know what youre talking about, why waste your intelligence on just posting videos
    to your site when you could be giving us something informative to read?

  5. Somewhere nearby,Jordan 15 frozen eggs—tiny promises to myself and my future—sit waiting for the day when I know what I want. For the day when I can say I’m in remission,Jordan when I am brave enough to embark on the journey of motherhood—even if it will always carry with it the potential of cancer recurring. My partner and I don’t discuss it,Jordan and I don’t think of it often. I’m too busy now fighting through radiation and chemo and believing in my body’s ability to recover.

  6. hello!,I really like your writing so a lot! proportion we communicate extra about your post on AOL?

    I need an expert in this house to unravel my problem.

    May be that is you! Taking a look forward to peer you.

  7. nutgzcpeal,A fascinating discussion is definitely worth comment. I do think that you ought to publish more on this topic, it may not be a taboo lumvww,subject but generally folks don’t talk about such subjects. To the next! All the best!!

  8. Simply wish to say your article is as astounding.
    The clearness in your put up is just spectacular and that i can think you’re an expert in this subject.
    Well with your permission allow me to grasp your RSS feed to keep up to date with coming near
    near post. Thanks a million and please carry on the gratifying work.

  9. Thanks a bunch for sharing this with all people you actually recognize what you are speaking approximately!
    Bookmarked. Please also discuss with my website =).
    We will have a link exchange agreement among
    us

  10. of course like your web-site but you need to take
    a look at the spelling on several of your posts. A number of them are rife with spelling issues and
    I in finding it very troublesome to tell the truth on the other hand I’ll surely
    come back again.

  11. Thanks for your personal marvelous posting! I quite enjoyed reading it, you are a great author.I
    will make certain to bookmark your blog and
    may come back from now on. I want to encourage you to ultimately continue your great job, have a nice holiday weekend!

  12. This is the perfect blog for anybody who wants to find out
    about this topic. You realize a whole lot its almost
    hard to argue with you (not that I really would want to…HaHa).
    You certainly put a new spin on a subject that has been discussed for
    years. Excellent stuff, just excellent!

  13. Good day! This post could not be written any better!
    Reading through this post reminds me of my old
    room mate! He always kept talking about this. I will
    forward this page to him. Fairly certain he will have a good read.
    Thank you for sharing!

  14. I as well as my buddies were taking note of the best information and facts from your web page and the sudden came up with an awful feeling I never expressed respect to the blog owner for those tips. All the men had been certainly very interested to read through them and now have extremely been making the most of those things. I appreciate you for being considerably thoughtful as well as for obtaining certain superior subjects most people are really eager to learn about. My very own sincere apologies for not expressing appreciation to you sooner.

  15. Just wish to say your article is as surprising.

    The clearness to your submit is just great and that i could assume you are an expert in this subject.
    Well together with your permission let me to snatch your RSS feed to stay updated with impending post.
    Thanks 1,000,000 and please keep up the rewarding work.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *