Dialoghi al parco

images

– Ma li mortacci loro, che tocca legge de prima mattina. Questa ce mancava.

– Suuuuuuuuuuuuuuuuu

– Bruciati sei mila mijardi de sordi nostri. Ma ve pijasse un colpo.

Arturo alza gli occhi al cielo.

– Tururuuuuuuuuuu

– Ma se li fumassero invece…sto governo campa a chiacchiere e tasse. Pe noi.

– Tururuuuuuu. Tururuuuuuuu.

– Ma che stai a diii.

– Plin plin plinnnnn.

– Ma che sei cinese?

– Plin plin plin plin.

– Ma che ne sai dello schifo che c’avemo qua. Tu vieni dal paese del “liso e thè”.

– Suuuu Tururuuuuuuuu Suuuuuuuuuuuuuuuu.

– Ma a che stai a giocà con sto Suu. Turu de tu nonna. Me stai a intasà le orecchie.

– Plin plin plinnnn

– Seee Plin plin. Magari il mondo funzionasse a plin plin, ce sarebbe ‘na pulizia generale. Tutti nel cesso.

– Akabei.

– De che? Certo però che pure voi c’avete invaso con tutti quei negozi de porcherie. E mi moglie che ce lascia pure quei quattro spicci della pensione.

– E perché ci va?

– Ah ma sai parlà?

– Sì. So anche leggere e scrivere. Vado alla scuola, io.

– E come te chiami? Cinciolin? Scusa se rido ma sta battuta me faceva sempre spaccà dalle risate.

– Suske, onorevole signore.

– Onorevole? Boni quelli, se alzano ar mattino e non sanno manco che giorno è.

– Ha ragione signore.

– Non me chiamà signore me fai sentì vecchio, a un passo dalla fossa.

– Va bene signore non vecchio.

– Mah a che stai a giocà?

– Pakkuman, signore non vecchio che parla troppo.

– E che è?

– Vedi c’è un cinese gigante che si mangia i poveri vecchietti italiani.

– E che te vuoi magnà? C’hanno lasciato con le pezze ar culo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.