Ancora una volta

Sei il pianeta lontano,

la strada dietro l’angolo.

Sei pelle che trasuda attese.

Oblio e carboni ardenti.

Sudore amaro

travestito da fuga.

Sei un’ illusione.

Un clandestino senza volto.

Un desiderio annodato.

Sei una speranza ritorta.

Stesso letto.

Stessi alibi.

Stessi furiosi orgasmi

come leoni in gabbia.

Ancora.

Ancora una volta.

Furtivi scivoliamo altrove

come una lacrima

sul volto sbagliato.

Ancora una volta.

Potrebbe interessarti anche

  • Il tempo uno strano ticchettio o …?Il tempo uno strano ticchettio o …? In occasione dell'uscita della nuova antologia Fermarti Non posso  firmata l'Erudita- Perrone, vi lascio ticchettare come farebbe il tempo dentro gli ingranaggi di un vecchio orologio, […]
  • tempo5Ritorno dalle nuvole L'ho pensato più di una volta quando tutto si stringeva come un cappio e una decisione non era meglio dell'altra, solo meno peggio. L'ho pensato e ripensato a come potesse essere. Non […]
  • colicaAncora una scusa per restare – Katia Colica Mi aveva subito incuriosito il titolo “Ancora una scusa per restare” Città del Sole Edizioni. Restare dove e soprattutto come? Il libro è costruito con tanti racconti indagine che si […]
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *